Le ballerine

Mondiali di Calcio 2010: l’Italia si fa sbattere fuori ai gironi da squadre di livello decisamente inferiore, così come la Francia; le Sudamericane non stanno a guardare e infilano tutti i posti che riescono ad accaparrarsi, arrivando a qualificarsi tutte quante per gli ottavi, giocando anche un bel calcio; le Africane (o forse era solo una?) e le Asiatiche si accaparrano gli ultimi posti per completare il quadro delle fasi eliminatorie, assieme a qualche centro/nord americana.

Giornalisti di ogni risma si scatenano: è il declino dell’Europa, Europa mai così in basso, l’ascesa delle sudamericane, il nuovo che spazza via il vecchio. Un vero tormentone sul calcio vecchio del vecchio continente, si sprecano elogi e critiche, si fa di tutta l’erba un fascio e si buttano su titoloni da guerra mondiale.

Passano gli ottavi, e qualche sudamericana e l’Asia torna a casa, con l’onore intatto. Ai quarti arrivano tante sudamericane, qualche europea, mai così poche da sempre. E’ destino, è il mondiale del Sud America, l’Argentina, il Brasile, l’Uruguay, il Paraguay. Sembra quasi destino che arrivino a giocarsi la coppa, a sentire i nostri beneamati giornalisti.

Ora, a giocarsi il titolo sono due europee, mentre il terzo posto è già stato accaparrato dalla Germania.

Nessuno si aspetta scuse, abiure o ripensamenti, giammai, l’ammissione di errore è il peccato principe. Anzi, gli stessi che tanto hanno sprecato inchiostro nell’osservare, prevedere, giudicare il "nuovo corso", scambiando una nevicata improvvisa per l’annuncio di una glaciazione, saranno loro stessi ora a sputtanare chi prima di loro l’ha detto.

Sono i media, baby. Vai avanti come un treno, non guardarti mai indietro, potresti perdere la spinta, punta sempre più in alto anche mentre precipiti, sparala più grossa e vinci tutto lo share.

Il premio che t’aspetta al fondo, il jackpot, è un posto d’onore tra i voltagabbana d’ogni tempo.

Disse una volta un collega di mio padre in riunione, rivolto a un altro "Zitto, tu che sai solo fare la ballerina".

Più che una frase azzeccata, uno stile di vita invidiabile.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

Annunci

2 commenti su “Le ballerine

  1. cheip ha detto:

    Contando che calcio “europeo” o “sudamericano” a questi livelli è solo un problema di passaporto dei giocatori, visto che praticamente tutti giocano in squadre europee.

  2. poomerang ha detto:

    Si può forse dire di Brasile e Argentina, il cui gioco comunque non è in nulla simile a quello di qualunque squadra europea.
    Anche l’Uruguay ha ancora molti “europei” in squadra, ma Cile e Paraguay non penso ne avessero più di un paio in tutto. Nonostante il livello a cui sono arrivati.
    In ogni caso, la questione non è il tipo di gioco ma la provenienza stessa dei giocatori e delle loro squadre. E quel che si è ricamato su queste semplici suddivisioni.
    In pratica, un processo mediatico – che come altri prima, ha avuto un verdetto ben diverso da quello reale ed effettivo: uno su tutti, l’omicidio di Garlasco, ovvero come sputtanare una vita per il puro gusto di fare ascolti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...