Il KDE che non ci piace

E’ ormai un anno che sono un felice utente di KDE (a parte una spiacevole quanto lunga disavventura che portava i programmi a crashare casualmente in preda a una sindrome collettiva da Segmentation Fault: è saltato fuori poi che una ripulita ai file di configurazione poteva risolvere il problema e tutto è tornato allo splendore naturale).
Sono sempre in difficoltà a spiegare precisamente perchè qualcosa mi piace, preferisco seminare riferimenti qua e là come ho già fatto nei miei post. Tuttavia, fra le varie ragioni, va sicuramente ricordata la grandissima configurabilità, la completezza di programmi disponibili ed anche la qualità di (almeno alcuni di) questi – uno su tutti, Akregator!

Nonostante ciò, ci sono alcune pecche su cui lavorare, dalla messaggistica istantanea (ma si sta lavorando su KTelepathy per – forse – pensionare il confusionario Kopete) a certe piccolezze, alcune già segnalate ampiamente su un blog molto noto (chi lo legge lo sa, gli altri hanno disposizione una comoda funzione di ricerca da usare su Firefox con le giuste estensioni).

Mostrerò due immagini per far capire di cosa parlo.

1. Disattenzione

Le finestre al primo avvio...cazzo!

Dopo aver cancellato tutti i file di configurazione, come detto sopra, ecco come si mostra Amarok al primo avvio. Una finestra minuscola e completamente inutilizzabile, con la playlist allargata a coprire il riquadro “utilità” (non so il nome vero, comunque lì potete avere informazioni e metadati sulla traccia, leggere la pagina di Wikipedia sull’autore del brano e guardare i testi delle canzoni) e anche il riquadro “Media”. Un programma che si presenta così al primo avvio fa semplicemente schifo, eppure non stiamo parlando dell’ultimo sghiribizzo immaginativo di qualche nerd con problemi sociali!

Insomma, siamo alla sesta release di KDE (sì, ho aggiornato da tempo a KDE 4.6) e ancora ci sono questi problemi di dilettantismo? – pur con un team di sviluppatori che è tutto fuorché dilettante!

2. Cattivi esempi

La seconda immagine invece è un pochino meno “seria” e rivela più un problema di costume.

Notate anche voi qualcosa di molto retrò?

Per chi ha usato mai(chi non l’ha fatto?) Windows XP, sicuramente la stonatura è evidente. Giusto per riportare alla memoria, vi mostro parallelamente un’immagine trovata con Google.

Questo era Windows..

Come vedete, le due icone sono molto simili, e molto simile è l’utilità che hanno: segnalare aggiornamenti del sistema.

Ok, Muon, la nuova suite di gestione di pacchetti Debian (.deb) per KDE, è un progetto giovane, molto attivo, apprezzatissimo (finalmente un simil-Synaptic anche per noi amici di KDE!) e può sicuramente migliorare – e forse un’icona non è il problema più grosso…ma proprio da Windows si doveva andare a prendere esempio?? 😀

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...