Pacchettizzo!

Eh sì, da qualche tempo mi sono intrufolato nel magico mondo dei pacchetti .deb (d’altra parte, avevo già per un po’ di tempo gestito qualche PKGBUILD ). Non è stata la cosa più semplice che abbia fatto in vita mia, ancora non mi capacito di come ci possano essere tanti file da curare e modificare per UN singolo pacchetto, ma d’altra parte è proprio tra quei tanti che risiede la potenza di Debian e derivate.

Dopo vari tentativi, con qualche difficoltà, dopo qualche pacchetto che poi non serviva (è il caso di gtk-kde4, che dopo la comparsa di oxygen-gtk), è arrivato il successo! Sto parlando del pacchetto di kpartsplugin, un utilissimo programma che integra varie applicazioni di KDE nella finestra del nostro browser preferito, sfruttando un’altra tecnologia assolutamente geniale ed adorabile di KDE che si chiama KParts. Con kpartsplugin, finalmente, i pdf che si trovano regolarmente in rete possono essere letti nella finestra del browser attraverso Okular, e così via per tutta una serie di file, compresi i documenti di office se KOffice è installato sul computer.

Ora, dato che le cose fatte bene vanno anche fatte in grande, ho subito pensato che il pacchetto potrebbe anche entrare in qualche distribuzione di nostra conoscenza. Così l’ho subito caricato su mentors.debian.net in attesa che qualche sviluppatore mi faccia da Sponsor per l’adozione nei repository ufficiali della mamma delle distribuzioni.
Dopodichè, per rendere immediatamente disponibile il pacchetto a tutti, ho aperto un PPA su Launchpad per metterlo lì, pronto per tutti. Trovate PPA e pacchetto qui. Così nessun aggiornamento passerà inosservato 😉

Fatene buon uso, mi raccomando! 😀

Ubuntu to Debian: breve resoconto di un delirio

Dopo lungo tempo, è giunto il momento di raccontare quello che non si può definire altro che pura follia.

Dopo aver usato per qualche tempo usato Ubuntu, una certa sensazione di schifo, di inadeguatezza, che forse un giorno potrò spiegare, mi ha convinto che dovevo provare la madre suprema: Debian.

Nonostante, però, blogger, forum e utenti di tutto il pianeta abbiano scritto in ogni salsa che i pacchetti Debian e Ubuntu non sono più compatibili, e un passaggio diretto dall’una all’altra (ovvero cambiando solo i repository in /etc/apt/sources.list, senza re-installazioni da zero) sia sostanzialmente impossibile, la coscienza di non aver comunque granchè da perdere mi ha convinto a fare un tentativo.

In fondo, mi dicevo, non potrà essere così diverso! Se poi riesco ad avere un quantitativo sufficientemente grande di pacchetti da aggiornare nel passaggio, i conflitti dovrebbero essere del tutto risolti e potrei trovarmi con un sistema Debian pronto all’uso!

Un ragionamento che ha fatto più di una piega.

Purtroppo tutto è successo qualche mese fa ormai, quindi non mi resta che qualche ricordo e uno screenshot. Ma cercherò di fare un resoconto affidabile.

Continua a leggere